Dalla sua fondazione, 48 anni fa, Damanhur è stata etichettata come “una setta” più di un una volta. Sebbene questa percezione si sia ormai spostata drasticamente verso una percezione più positiva e accogliente da parte di chi ci conosce, a volte affrontiamo ancora queste accuse online, principalmente da persone che non hanno mai visitato Damanhur.

Gestire questa negatività non è mai stato facile. La convivenza negli anni con Damanhur ha convinto molti locali delle nostre intenzioni positive e il nostro negozio di alimenti biologici, la caffetteria, la struttura medica e altre strutture sono ora frequentati anche da molti che non ci amavano. Tuttavia, poiché la nostra fama si è estesa in tutto il mondo, il verdetto “sono una setta!” continua ad essere sentenziato in alcuni commenti, blog e recensioni. Sorge quindi una domanda: dovremmo continuare a combattere questa etichetta?

Facendo un passo indietro, il mio sentimento (e non solo mio) è che come umanità stiamo vivendo tempi di profonda perdita di significato. Guardando i fatti, le religioni tradizionali basate sui Libri Sacri non costituiscono più la base della nostra società, né sembrano fornire risposte sufficienti per i tempi in cui viviamo oggi. Lo stesso vale per le vecchie ideologie. Molte visioni tradizionali del mondo sono messe in discussione. Questo vuoto è spesso riempito da fondamentalismo e nichilismo, segni della decadenza della ragione, ma queste non sono le uniche opzioni che abbiamo. Costruire le trame del “nuovo noi”, una mitologia aggiornata che rifletta le scelte attuali delle persone può aiutare ad affrontare le domande esistenziali e forse a scoprire insieme nuove risposte e significati. 

Tuttavia, in che modo questo è collegato al tema delle sette? Molti movimenti vengono creati come tentativi di riempire il vuoto con una nuova narrazione. Alcuni (chiamiamoli “sette settarie”) tendono ad essere meno positivi di altri. Questo, tuttavia, non è necessariamente il motivo per buttare via del tutto il concetto di setta. 

Cos’è una setta?

Esaminiamo le definizioni tradizionali della parola:

Treccani: “… Associazione di persone che seguono e difendono una particolare dottrina filosofica, religiosa o politica”.
O il dizionario di Cambridge: “…una setta è un particolare sistema di credenza o adorazione.

nota importante: Per Damanhur, è sempre stato molto importante definirsi una scuola filosofica, e la sua base spirituale ha talvolta creato confusione per saperne di più, puoi leggere questo articolo.

Mentre il concetto ha acquisito connotazioni piuttosto negative nel linguaggio colloquiale, l’etimologia della parola punta al latino secta, cioé séguito, o in inglese cult dal latino cultus, che significa coltivare, curare, rispettare. 

Uno dei bisogni fondamentali degli umani è creare connessioni con gli altri; siamo essenzialmente programmati dalla natura come esseri comunitari. Le comunità sono storicamente formate non solo per motivi di sicurezza o per migliorare le possibilità di sopravvivenza fisica, ma anche per affermare l’identità delle persone, il loro bisogno di identificare sogni comuni e lavorare insieme per realizzarli.

Le persone si sono unite in gruppi e comunità sin dall’alba dei tempi. Alcuni sono rimasti piccoli, altri sono diventati più grandi e sono diventati mainstream, creando popoli e nazioni, o come il “culto, seguito, setta di Gesù” che, nel tempo, è diventato una religione organizzata globale. Scopri di più sulla differenza tra filosofia e religione qui. Il solo fatto di avere un seguito internazionale non lo rende meno ‘setta’.

Si può essere d’accordo sul fatto che non tutte le sette (comprese le religioni e le ideologie tradizionali) abbiano un impatto positivo sugli individui. Dobbiamo essere consapevoli delle nostre scelte; tuttavia, è vero anche il contrario: ci vuole attenzione quando si è tentati di etichettare le cose perché non le capiamo o le temiamo. Le due dinamiche – protezione da esperienze potenzialmente dannose, e distruzione di alternative al mainstream – devono essere vissute e distinte con lucidità e discernimento.

Inserire il termine ‘setta filosofica etica’?

Ecco una proposta: piuttosto che combattere l’essere etichettati come una setta, abbracciamo il senso originario, aggiungendo il termine ‘etica’, poiché i damanhuriani stanno costruendo una setta filosofica etica.’

Nel definire le istanze delle sette moderne, sottoscrivo l’eccellente lavoro svolto dall’autore Jamie Wheal (collegherò il suo libro di seguito). Propone tre categorie di sette:

  1. Le “sette istituzionali” (cioé religioni importanti) sono simili alle orchestre di musica classica, in cui un direttore dice ai membri cosa, quando e come suonare. Se la musica ci risuona, ci riempie di gioia e vibrazioni positive; se (o quando) non lo fa, crea frustrazione.
  2. ‘sette settarie’, o bande musicali, in cui il leader suona la melodia e gli altri marciano dietro di loro alla cieca, senza conoscere la direzione o il significato.
  3. ‘sette etiche’, come i gruppi jazz, in cui i partecipanti suonano la musica insieme mentre ascoltano gli altri creano qualcosa che nessuno sapeva all’inizio. Il senso di co-creazione e di profondo scambio si converte ai ritmi fluenti ed emozionanti della vita.

Quindi, si può concordare sul fatto che Damanhur stia costruendo una setta etica filosofica?

Molti anni fa, era facile etichettare Damanhur come una “setta settaria”, soprattutto se si guardava la superficie. Sono arrivata a Damanhur dopo la dipartita del fondatore, e oggi, nove anni dopo la sua morte e con la comunità ancora fiorente, direi che questo si sia già confutato. Non c’è più un leader da seguire.

Direi anche che non è mai stata una setta settaria. Come mai? Ebbene, il fondatore ha sempre sottolineato l’importanza della scelta! Diceva che il libero arbitrio è il nostro ultimo potere divino e nessuno può togliercelo, nemmeno gli dei. 

Vediamo alcune tipiche accuse del essere “setta” di cui sentiamo parlare.

Damanhur prende tutti i tuoi soldi.

Nella Damanhur in cui vivo, non c’è niente del genere; esiste un concetto ben definito di proprietà individuale, in cui ognuno sceglie il livello in cui desidera essere coinvolto economicamente in progetti comuni. Inoltre, direi che era così anche prima. All’inizio, la comunità praticava la “condivisione totale” in cui tutti i membri mettevano in comune i loro guadagni e il ricavato veniva distribuito in base alle necessità della comunità. Tuttavia, già allora erano presenti due aspetti:

  • Molti giovani senza risorse si sono uniti a Damanhur e sono stati completamente immersi negli sforzi creativi della costruzione dei Templi e di altri progetti artistici, partecipando felicemente alla comunità che li ha abbracciati alla pari.
  • Coloro che hanno lavorato fuori dalla comunità hanno continuato volentieri a condividere i loro guadagni con coloro che hanno lavorato all’interno della comunità. Ciò ci ha permesso di fare passi da gigante nella costruzione della comunità, nell’unità tra i membri e nel rafforzare la dedizione agli obiettivi comuni.

Falco ipnotizzava e manipolava le persone.

Falco era uno studioso di ipnosi e la considerava un processo prezioso per comunicare, curare e ispirare le persone. Nel suo insegnamento non è possibile operare ipnosi se il soggetto coinvolto non è consenziente, non è possibile far fargli fare nulla che non voglia, e c’e un preciso codice etico da rispettare per la tutela della persona. Ma l’argomento è ancor più debole oggi: Falco è mancato più di nove anni fa, ed è piuttosto evidente che nessuno abbia assunto il “ruolo di ipnotizzatore”. La comunità prospera e va avanti con i suoi obiettivi; nuovi membri che non hanno mai incontrato Falco si uniscono quasi ogni mese. A meno che qualcuno non sostenga che l’ipnosi possa durare così a lungo o che in qualche modo continui a permeare l’aria respirata dai damanhuriani… possiamo considerare questo punto non attinente.

Falco ha avuto esperienze sessuali con donne nella comunità.

Probabilmente si, proprio come tutti abbiamo avuto esperienze sessuali nei nostri rispettivi gruppi sociali, molto probabilmente con più di una singola persona nel corso della nostra vita. In contrasto con le tendenze promiscue comuni nella vita quotidiana, i rapporti in questa comunità sono sempre consensuali. Non c’è stata una sola accusa di alcun abuso (cosa che spesso si trova nelle “sette settarie”). Quindi, lasciamo perdere questo punto.

Una volta entrato, non puoi lasciare la comunità.

Chiunque è libero di andarsene in qualsiasi momento, e molti lo hanno fatto in passato e continuano a farlo oggi; infatti, lo consideriamo un sano processo evolutivo. Naturalmente, la comunità invita sempre coloro che stanno pensando di trasferirsi a trovare insieme soluzioni, ad esempio, per cercare di elaborare i fattori che potrebbero aver creato difficoltà, tuttavia, tutto a Damanhur continua a funzionare sulla base del libero arbitrio.

Ti manipolano.

Damanhur non è una realtà isolata ed è costantemente ricercata dai sociologi locali dell’Università di Torino e dal più autorevole centro di ricerca privato nel campo dei movimenti spirituali e delle religioni minoritarie – il Centro Studi sulle Nuove Religioni (CESNUR), con sede in Italia. Il CESNUR è da anni un riferimento globale fondamentale su questi temi e collabora con le principali università di molti paesi, e di Damanhur parlano sempre positivamente. Puoi saperne di più qui.

Pensiero critico. Libera scelta. Discernimento. Chiamalo come vuoi, ma questo è ciò che nessuna persona o dio potrà mai portarti via, e dovrebbe essere presente nella nostra vita, sia che scegliamo di vivere in o creare una comunità o di vivere una vita “normale”.

Stiamo cercando nuovi significati come umanità e abbiamo bisogno della libertà di creare “sette” in questa ricerca, a patto che siano etiche. A Damanhur, scommettiamo sul futuro basato su piccole comunità intenzionali, in cui le persone raccontano storie, vivono in comunità e guariscono nei modi che meglio si adattano a quei singoli individui. I tempi che affrontiamo come esseri umani sono complessi, quindi dobbiamo essere forti e imparare gli uni dagli altri (il nostro progetto del Parlamento dei Popoli mira a concretizzare e potenziare questo processo).

L’alternativa al trovare nuovi significati per questi tempi, come lo chiama Jamie nel suo libro Recapturing the Rapture, è essere inghiottiti dalla pattumiera della storia, come hanno fatto le civiltà antiche e più fantasiose della nostra. Anche se questo sembra uno scenario probabile, scommetto che possiamo trovare alternative più positive insieme. E tu?

Ti invitiamo a visitare Damanhur e scoprirla per farti una tua idea, al di fuori delle etichette.

ps Ecco un paio di frasi non così serie per chiudere questo articolo serio, come da tradizione damanhuriana di usare l’umorismo come ingrediente cruciale nella vita: 

  • Setta. Un gruppo organizzato di persone, religiose e non, con le quali non sei d’accordo. [Hugh Rawson, “Parole malvagie”, 1993]
  • Setta è un termine di cui non possiamo fare a meno, poiché apprezziamo l’esattezza, visto che la religione ha perso completamente il suo significato originario. Fitzedward Hall, “Inglese moderno”, 1873]

Scritto da Bertuccia Bietola

 

Vuoi saperne di più?