Tra le varie conseguenze della diffusione di Covid19, che ormai pare una star planetaria impegnata nel suo World Tour, c’è quella della limitazione negli spostamenti e nei contatti fisici. Questo, al di là delle conseguenze che ha sull’economia – e quindi, per ricaduta, su un sacco di altre cose – impone di riconsiderare tanti aspetti della vita di tutti.

In questa emergenza, il fatto di essere convinti che i medici virologi possiedano tutta la verità o, al contrario, ritenere che si tratti solo di un grande abbaglio collettivo, ha ben poca importanza: i governi degli Stati e le organizzazioni sovranazionali stanno imponendo misure che riguardano tutti, costringendoci a cambiare abitudini e, in certi casi, modi di pensare.

Anche a Damanhur è così. Nelle nostre comunità, è attivo un servizio sanitario molto attento a consigliare le prassi migliori per i cittadini e le persone ospiti. Contemporaneamente, l’attitudine a vivere la socialità in maniera intensa e rispettosa, fa sì che il buonsenso, la solidarietà e l’umorismo abbiano il sopravvento sulla paura e l’allarme che i media inducono nelle persone e le persone rischiano di amplificare a loro volta.

Naturalmente, in una realtà basata sulle comunità e sull’incontro con amici, ospiti, visitatori, ricercatori che vengono a Damanhur per vivere un’esperienza umanamente e spiritualmente arricchente, il quadro indotto da Covid19 porta a fare tante riflessioni, di ordine spirituale e soprattutto pratico.

Nuove strade…

Questa emergenza planetaria sarà la prima di una lunga serie o, al contrario, insegnerà a tutti come fare per prevenire il ripetere di eventi simili? Non possiamo saperlo, anche perché non sappiamo se e quali interessi si nascondono dietro la crisi sanitaria; certamente, però, possiamo imparare da tutto questo e trarne delle conseguenze virtuose, come sempre succede nei momenti di difficoltà.

Noi amiamo la vita in comune e riteniamo che uno dei segreti della crescita personale e dell’avvicinamento alla felicità sia proprio la condivisione di spazi e tempi: mescolare caratteri e abitudini, contagiandosi attraverso il confronto e, qualche volta, il conflitto, aiuta il formarsi dentro ognuno degli anticorpi che permettono di guarire le malattie spirituali. Per lo stesso motivo, amiamo ricevere nei nostri territori tutte le persone che desiderano passare un periodo con noi e alimentarsi con la nostra esperienza. Bene: se tutto ciò, in questo periodo, è messo in discussione, cerchiamo nuove strade. È il momento di dare un impulso ancora maggiore alla possibilità di incontrare e conoscere Damanhur senza però spostarsi da casa. 🙂

…Nuove possibilità

Ecco quindi che sempre di più crescono le esperienze di Damanhur in giro per il mondo, con la possibilità di contattare l’insegnamento di Falco attraverso i suoi figli spirituali distribuiti nei cinque continenti, dove danno vita a nuove esperienze comunitarie. Ecco soprattutto l’arrivo imminente di nuove possibilità accessibili attraverso il web, per fare lo stesso senza muoversi da casa (e, in fondo, usare qualche aereo in meno non può che far bene al Pianeta).

Damanhur, diceva alle volte Falco, è come una cipolla: è fatta a strati. Nel cuore ci sono le persone che vivono nelle comunità, in totale condivisione. Poi, a strati successivi, ci sono quelle che partecipano, che sostengono, che frequentano, che magari seguono percorsi diversi ma che trovano prezioso alimentarsi anche alla sorgente che noi rappresentiamo. Ma ogni strato della cipolla è la cipolla stessa, e questa fase della nostra storia e della storia del mondo lo rende ancora più evidente.
Quando viviamo periodi di difficoltà, specialmente se non dipendono direttamente da noi, occorre non tanto focalizzarci sulla crisi, ma essere resilienti e trasformare se stessi positivamente, adeguandosi alla nuova realtà non come ripiego ma come nuova normalità. Questo è ciò che tutti siamo chiamati a fare, non solo per superare le paure ma per dare vita a nuova forza. E, a questo punto, la domanda è d’obbligo:

e TU come stai affrontando questa crisi?

p.s. goditi questa meditazione dell’equinozio di primavera insieme a Orango e Gazza.
Connettiamoci all’energia della primavera per risvegliare insieme un nuovo mondo! 🙂